AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoContattiContattiProgetto SISC

ANDARE ALL'ESTERO - Trasferirsi

Iscrizione all'AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all'Estero)

  1.   Trasferimento residenza all'estero di cittadini italiani - AIRE
  2.   Rientro in Italia - Cancellazione AIRE 
  3.   Certificati relativi a cittadini italiani residenti all'estero (AIRE)


    TRASFERIMENTO RESIDENZA ALL'ESTERO DI CITTADINI ITALIANI - AIRE
    Il cittadino italiano residente che trasferisca la residenza all'estero deve darne comunicazione all'Ufficio Anagrafe alcuni giorni prima del trasferimento.
    A seguito di tale comunicazione, viene avviata la pratica di cancellazione per emigrazione all'estero, con conseguente iscrizione all'AIRE di questo Comune. L'AIRE è l'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero e presuppone la permanenza all'estero almeno di 1 anno continuativo.
    Una volta che il cittadino sia arrivato nel Paese estero deve recarsi al Consolato Italiano competente per territorio e rendere la dichiarazione di trasferimento.
    Il Consolato attuerà l'istruttoria per le relative comunicazioni.
    L'eventuale dichiarazione di trasferimento di residenza all'estero resa al Comune di ultima residenza in Italia, se non seguita entro un anno dalla dichiarazione del Consolato, comporta la cancellazione dall'anagrafe della popolazione residente per irreperibilità, con conseguente segnalazione al Prefetto.
    Requisiti: 
    1) Essere residente nel nostro Comune;
    2) essersi trasferito o essere in procinto di trasferirsi all'estero entro pochi giorni;
    2) esatto indirizzo estero.
    Documentazione
    Documento di identità valido.

    RIENTRO IN ITALIA - CANCELLAZIONE AIRE
    Il cittadino italiano proveniente dall'estero che intende rientrare in Italia, deve richiedere la cancellazione dall'AIRE ed il conseguente trasferimento della residenza nel territorio del Comune, presentandosi all'Ufficio Anagrafe in orario di apertura al pubblico.
    Nel caso di trasferimento di interi nuclei familiari, la richiesta può essere presentata da uno qualsiasi dei componenti la famiglia, purché maggiorenne.
    Le dichiarazioni relative ai minori devono essere rese da chi esercita la potestà o la tutela.
    Chi effettua la denuncia deve conoscere i dati anagrafici e i codici fiscali di tutti i componenti il nucleo familiare.
    Requisiti: 
    Avere dimora abituale nel nostro Comune.
    Documentazione
    Passaporto o documento equipollente.

    CERTIFICATI RELATIVI A CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO (AIRE)
    Per i cittadini italiani iscritti nell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE) vengono rilasciati i seguenti certificati:
    - certificato di residenza: attesta che il richiedente, in precedenza iscritto nell'Anagrafe dei residenti nel Comune dal ..........., risulta iscritto all'Aire dal............;
    - certificato di stato di famiglia: ai fini del regolare aggiornamento, l'interessato dovrà aver cura di comunicare al Comune tutte le variazioni di stato civile (nascita, matrimonio, morte) successive alla data del suo trasferimento);
    - certificato ed estratto di nascita, matrimonio, morte, se l'evento è avvenuto nel nostro Comune o trascritto in questi registri di stato civile, altrimenti certificato di risultanza anagrafica di nascita, matrimonio o morte;
    - certificato di stato libero, riferito alla data dell'emigrazione all'estero. Per il periodo successivo alla suddetta data, il certificato viene rilasciato dal competente ufficio consolare;
    - certificato di cittadinanza: viene rilasciato dal Comune o dal competente ufficio consolare;
    - certificato contestuale;
    - autenticazione di fotografia e firma;
    - certificato di godimento dei diritti politici: viene rilasciato dal Comune nelle cui liste elettorali l'interessato è iscritto o, comunque, dal Comune di ultima residenza in Italia;
    - certificato di esistenza in vita: viene rilasciato dal competente ufficio consolare o dal Comune, previa richiesta dell'interessato con firma autenticata dall'Ufficio consolare. L'esistenza in vita sarà attestata alla data dell'autentica;
    - certificato di buona condotta: viene rilasciato dal competente Ufficio consolare;
    - carta d'identità.
    Sia la richiesta che il ritiro delle certificazioni possono essere effettuati da chiunque (previa presentazione di un documento di identità valido), purché a conoscenza certa:
    - dei dati di identificazione della persona in nome della quale si richiede l'atto (cognome, nome e data di nascita o esatto indirizzo);
    - dell'uso del certificato per la determinazione dell'applicazione dell'imposta di bollo.
    La consegna è immediata.
    I certificati attestanti nascita, morte o comunque fatti e stati immodificabili (ad es. il titolo di studio), hanno validità illimitata.
    Gli altri certificati hanno validità sei mesi dalla data di rilascio. Potranno tuttavia essere utilizzati anche dopo la scadenza con la sola sottoscrizione, da parte dell'interessato, senza autentica, che nulla è variato rispetto a quanto contenuto nel certificato.

    Torna all'indice