AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoContattiContattiProgetto SISC

SVILUPPARE UN'ATTIVITÀ - Autorizzazione per la gestione di un'attività


1. Autorizzazioni per manifestazioni (fiere, sagre...)

         Manifestazioni temporanee di pubblico trattenimento 

2. Autorizzazione sanitaria per automezzi adibiti al trasporto di animali vivi 

         Denuncia inizio attività per il trasporto di animali vivi

3. Comunicazione vendite straordinarie (liquidazioni, saldi, promozioni...)

Vendite di liquidazione  
Vendite promozionali 
Comunicazione vendita promozionali (.rtf , 5kb)

MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO TRATTENIMENTO 
Per manifestazioni temporanee di pubblico trattenimento si intendono: manifestazioni teatrali, danzanti, cinematografiche o di arte varia. Tali manifestazioni possono avere durata fino a 59 gg. consecutivi nell'arco di un anno.
MANIFESTAZIONE TEMPORANEA DI PUBBLICO TRATTENIMENTO CHE NON PREVEDE IL MONTAGGIO DI STRUTTURE PRECARIE o CHE PREVEDE IL MONTAGGIO DI STRUTTURE CON CAPIENZA COMPLESSIVA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE o CON STRUTTURE GIA' COLLAUDATE
Se si tratta di una manifestazione che non richiede il montaggio di strutture precarie o prevede il montaggio di strutture con capienza complessiva pari o inferiore a 200 persone, o con strutture gia' collaudate gli interessati devono presentare solo la denuncia di inizio attività, compilando l'apposito stampato. La denuncia di inizio attività, qualora sia completa di tutte le dichiarazioni richieste, ha effetto immediato.
Nel caso in cui alla manifestazione sia abbinata la somministrazione di alimenti e bevande o la preparazione e somministrazione di alimenti e bevande, occorre presentare la dichiarazione di inizio attività o la richiesta di autorizzazione sanitaria.
MANIFESTAZIONE TEMPORANEA DI PUBBLICO TRATTENIMENTO CHE PREVEDE IL MONTAGGIO DI STRUTTURE PRECARIE CON CAPIENZA COMPLESSIVA SUPERIORE A 200 PERSONE
Se invece la manifestazione prevede l'installazione di strutture precarie (stand, palchi, tendoni ecc.) con capienza superiore alle 200 persone, si rende necessario il collaudo delle stesse da parte della Commissione Provinciale di Vigilanza per Locali di Pubblico Spettacolo (CPVLPS) e pertanto deve essere presentata la domanda per la concessione della licenza di pubblico trattenimento, utilizzando gli appositi stampati. Nel caso in cui alla manifestazione sia abbinata la somministrazione di alimenti e bevande o la preparazione e somministrazione di alimenti e bevande, occorre presentare la dichiarazione di inizio attività o la richiesta di autorizzazione sanitaria. Al fine di consentire il collaudo delle strutture da parte della Commissione Provinciale di Vigilanza per Locali di Pubblico Spettacolo (CPVLPS), LA DOMANDA DEVE ESSERE PRESENTATA ALMENO 45 GIORNI PRIMA DELL'EFFETTUAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE.
La richiesta per l'ottenimento dei permessi comporta il sopralluogo della Commissione Provinciale di Vigilanza per Locali di Pubblico Spettacolo (CPVLPS) e pertanto il completamento della pratica è subordinato alla verifica dell'agibilità delle strutture.
Documentazione
NEL CASO DI MANIFESTAZIONI CHE NON PREVEDONO IL MONTAGGIO DI STRUTTURE PRECARIE O CHE PREVEDONO IL MONTAGGIO DI STRUTTURE CON CAPIENZA COMPLESSIVA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE O CON STRUTTURE GIA' COLLAUDATE.
Dichiarazione di inizio attività per pubblico trattenimento, compilata utilizzando l'apposito stampato.
NEL CASO DI MANIFESTAZIONE TEMPORANEA DI PUBBLICO TRATTENIMENTO CHE PREVEDE IL MONTAGGIO DI STRUTTURE PRECARIE CON CAPIENZA COMPLESSIVA SUPERIORE A 200 PERSONE.
Domanda in carta da bollo da € 10,33, indirizzata al Sindaco, compilata utilizzando il modello, completa dei seguenti allegati:
- planimetria in scala 1/100 delle strutture da collaudare, redatta da un tecnico abilitato;
- relazione tecnico-descrittiva delle strutture e dell'attività sottoscritta dal tecnico e dal responsabile della manifestazione;
- certificato di collaudo statico, redatto da un tecnico abilitato;
- certificato di collaudo impianti a gas, redatto da un tecnico abilitato;
- certificato di collaudo impianto elettrico, redatto da un tecnico abilitato.
Se la manifestazione viene effettuata su suolo pubblico, occorre presentare anche la richiesta di occupazione temporanea di suolo pubblico e pagare la relativa tassa.
La firma sulla dichiarazione o sulla domanda non deve più essere autenticata, ma può essere effettuata secondo le seguenti modalità:
1) al momento della presentazione della richiesta con documento di riconoscimento valido, con accertamento di identità da parte dell'impiegato che la riceve;
2) in un qualunque altro momento e luogo, allegando in questo caso fotocopia fronte retro di un documento di identità valido.
Costi:
NEL CASO DI MANIFESTAZIONI CHE NON NECESSITINO DEL COLLAUDO DELLE STRUTTURE: nessuno
NEL CASO DI MANIFESTAZIONI CHE NECESSITANO DEL COLLAUDO DELLE STRUTTURE:
1) una marca da bollo da € 10,33 da apporre sulla domanda
2) una marca da bollo da € 10,33 da apporre sull'autorizzazione


DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ PER IL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI
L'interessato ad esercitare il trasporto di animali vivi, equini, bovini, bufalini, ovini, caprini, suini, e degli animali da cortile a mezzo autoveicolo deve presentare all'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune o all'Ufficio Commercio denuncia inizio attività per il trasporto di animali vivi in triplice copia, utilizzando l'apposito stampato, in distribuzione presso l'Ufficio Commercio, allegando la fotocopia del libretto di circolazione.
Una copia contenente il timbro datario del comune ed il numero di protocollo, sarà trattenuta dall'interessato in sostituzione delle autorizzazioni sanitarie precedentemente richieste.
La dichiarazione correttamente compilata abilita all'esercizio dell'attività immediatamente dalla data di consegna al protocollo del Comune.
La dichiarazione priva della sottoscrizione o di altri elementi essenziali ai fini dell'attività esercitata è inidonea a produrre gli effetti abilitativi di legge.
Per il trasporto di animali domestici, si fa riferimento al Codice della Strada.
Per il trasporto di propri animali in qualità di privato non è dovuta alcuna comunicazione.
Presso l'Ufficio Commercio e l'Ufficio Relazioni con il Pubblico è in distribuzione l'apposito stampato di comunicazione di prosecuzione dell'attività di trasporto di animali da utilizzarsi in tutti i casi in cui non siano state apportate modifiche all'attività precedentemente autorizzata e da presentarsi all'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune o all'Ufficio Commercio in triplice copia. Una copia contenente il timbro datario del Comune e il numero di protocollo sarà trattenuta dall'interessato e dovrà essere esibita agli organi di vigilanza conterstualmente alla dia/autorizzazione della quale si comunica la prosecuzione dell'attività.
Documentazione
Per il trasporto:
1) denuncia inizio attività per il trasporto di animali vivi compilata in triplice copia, in distribuzione presso l'Ufficio Commercio e;
2) fotocopia del libretto di circolazione.
Per il rinnovo:
1) comunicazione di prosecuzione dell'attività di trasporto animali vivi compilata in triplice copia in distribuzione presso l'Ufficio Commercio;
2) fotocopia del libretto di circolazione.


VENDITE DI LIQUIDAZIONE 
Le vendite di liquidazione sono effettuate dall'esercente, per esitare in breve termine tutte le merci a seguito di:
1) cessazione dell' attività;
2) cessione dell'azienda;
3) trasferimento in altri locali;
4) rinnovo locali.
E' vietato il riferimento a procedure fallimentari o simili, è vietata inoltre la liquidazione col sistema del pubblico incanto.
Si possono effettuare in ogni momento dell'anno, per una durata non superiore a dieci settimane per i casi 1) e 2), non superiore a quattro settimane per i casi 3) e 4).
A decorrere dall'inizio della liquidazione è vietato introdurre nuove merci in negozio. E' necessaria una preventiva comunicazione al Comune da effettuarsi almeno 15 giorni prima della data di inizio della vendita, anche utilizzando l'apposito stampato, contenente: le generalità, l'ubicazione del negozio, il motivo per cui si effettua la liquidazione ed inoltre:
per il caso 1): una dichiarazione di avere già effettuato la comunicazione di cessione di attività (indicante la decorrenza), o atto di rinuncia all'autorizzazione amministrativa;
per il caso 2): una dichiarazione di avere sottoscritto un atto pubblico di cessione o una scrittura privata registrata;
per il caso 3): una dichiarazione di avere effettuato la comunicazione di trasferimento (indicante la decorrenza) , oppure di avere ottenuto l'autorizzazione al trasferimento (per le medie o grandi strutture di vendita);
per il caso 4): una dichiarazione di avere già effettuato la denuncia inizio attività (DIA) o avere ottenuto concessione o autorizzazione edilizia per la realizzazione di opere edili, oppure una dichiarazione di effettuare il rinnovo degli arredi per almeno l'80%.
Al termine della liquidazione riguardante il caso 4), l'esercizio dovrà rimanere chiuso per il tempo necessario ai lavori.
Nella pubblicità devono essere riportati gli estremi della comunicazione al Comune.
Lo sconto o ribasso deve essere in percentuale sul prezzo normale di vendita che deve comunque essere esposto (va indicato: il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo scontato).
Requisiti: 
Essere titolare di un esercizio commerciale in sede fissa o su aree pubbliche.
Documentazione
Comunicazione compilata anche sull'apposito stampato completa di:
- ubicazione del locale;
- data di inizio della vendita e relativa durata;
- merci poste in vendita e/o categorie merceologiche, con indicazione della qualità e del prezzo praticato prima della vendita e di quello che si intende praticare in occasione
della stessa.
La suddetta comunicazione deve essere corredata da una dichiarazione recante i seguenti elementi completi di data ed estremi, a seconda delle motivazioni per le quali si effettua la vendita.
In particolare:
1) per CESSAZIONE DELL'ATTIVITA' COMMERCIALE:
- atto di rinuncia all'autorizzazione amministrativa o comunicazione di cessazione attività;
2) per CESSIONE DELL'AZIENDA O DI UNA SUCCURSALE:
- attto di cessione o scrittura privata registrata;;
3) per TRASFERIMENTO DELL'AZIENDA IN ALTRI LOCALI:
- comunicazione di trasferimento al Comune di nuova destinazione;
4) per TRASFORMAZIONE O RINNOVO LOCALI:
- concessione, autorizzazione urbanistica o Denuncia di Inizio Attività (DIA) per realizzare le opere

VENDITE PROMOZIONALI
Le vendite promozionali sono effettuate dall'esercente per tutti o per una parte dei prodotti merceologici e per periodi di tempo limitati. In tutte le vendite è vietato il riferimento a procedure fallimentari e simili.
Le vendite promozionali dei prodotti "stagionali" appartenenti al settore non alimentare non si possono effettuare nel mese di dicembre, nei periodi in cui sono previsti i saldi di fine stagione e nei 30 gg. antecedenti i saldi. E' necessaria una preventiva comunicazione al Comune da effettuarsi almeno 10 gg. prima dell'effettuazione della vendita, anche compilata sull'apposito stampato, contenente l'indicazione dell'esercizio, nonché l'indicazione della durata della vendita.
Le merci offerte in promozione devono essere separate in modo chiaro ed inequivocabile da quelle escluse dalla promozione.
Le vendite promozionali dei prodotti appartenenti al settore alimentare e dei prodotti per l'igiene della casa e della persona si possono effettuare in qualsiasi periodo dell'anno e senza necessità della comunicazione preventiva al Comune.
Nella pubblicità che si effettua, devono essere riportati gli estremi della comunicazione al Comune.
Deve essere indicato il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo scontato.
Requisiti: 
Requisiti
Essere titolare di un esercizio di commercio in sede fissa o su aree pubbliche.
Documentazione
Documentazione
Comunicazione anche compilata sull'apposito stampato, completa di:
- ubicazione del locale;
- data di inizio della vendita e relativa durata.

Torna all'indice