IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - IMU ANNO 2021 

Pubblicato il 3 giugno 2021 • Tributi

COMUNE DI BELPASSO
CITTA' METROPOLITANA DI CATANIA

 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - IMU ANNO 2021 

A decorrere dal 1 gennaio 2020 la “nuova” IMU è disciplinata dalla Legge 160/2019 (Legge di Bilancio 2020) che ha abolito la IUC ad eccezione delle disposizioni relative alla TARI. L’IMU è disciplinata dalle disposizioni di cui ai commi da 739 a 783. LA TASI E’ STATA ACCORPATA CON L’IMU. 

QUANTO SI PAGA: l’IMU si paga in proporzione alla quota ed ai mesi di possesso degli                   immobili. 

QUANDO SI PAGA (art.1 comma 762 L. 160/2019): 
                            ACCONTO: entro il 16 GIUGNO 2021 
                            SALDO: entro il 16 DICEMBRE 2021 


ALIQUOTE 2021

4 per mille    Abitazione principale solo per le categorie A1, A8 e
A9 e relative pertinenze
9,60 per mille    Altri immobili ed aree edificabili
10,60 per mille    Fabbricati di categoria "D"
Esenti    Terreni agricoli
1 per mille    Fabbricati rurali ad uso strumentale

1 per mille    Immobili merce
 
COME  SI PAGA: Con modello F24 utilizzando i codici tributo ed il codice Ente sotto riportato
Codici Tributo:
Abitazione principale : 3912
Aree fabbricabili : 3916
Altri Fabbricati : 3918
Fabbricati classificati in categoria “D“:     Quota Comune: 3930      Quota Stato: 3925
                             
Codice catastale Comune di Belpasso: A766


CHI PAGA (art. 1 comma 743 L. 160/2019): 
- proprietari di fabbricati; 
- proprietari di aree edificabili; 
- titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi e superficie su fabbricati ed aree fabbricabili; 
- il locatario finanziario a decorrere dalla data di stipula del contratto di leasing e per tutta la durata del contratto; 
- il concessionario di aree demaniali; 
- se l’immobile è posseduto da più proprietari o titolari di diritti reali di godimento, l’imposta deve essere pagata da ciascuno in proporzione alle quote di possesso; 

CHI E’ ESENTE: 
- abitazione principale e relative pertinenze (eccetto gli immobili in categoria catastale A/1 – A/8 
– A/9). Per abitazione principale si intende l’immobile in cui il soggetto passivo e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Per pertinenze si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di una pertinenza per ciascuna categoria catastale indicata, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo; 
- la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli a seguito di provvedimento del giudice che costituisce altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso. In assenza di provvedimento del giudice l’IMU viene assolta dal proprietario secondo le regole ordinarie; 
- fattispecie equiparata alla casa principale: l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o usufrutto da ANZIANI o DISABILI che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.


 - ESENZIONI IMU CORRELATE ALL’EMERGENZA ECONOMICA A SEGUITO DELLA PANDEMIA COVID_19

La legge 178/2020 (legge di Bilancio 2021) prevede agevolazioni per il pagamento dell'IMU 2021. In particolare sono esentati dal pagamento della prima rata (acconto 2021): stabilimenti balneari, termali, agriturismi, alberghi, ostelli della gioventù, affittacamere, bed&breakfast, residence, campeggi, capannoni usati per allestimenti fieristici, discoteche, sale da ballo. 
Per queste strutture e per quelle ricettive resta valido il requisito per cui soggetto passivo d'imposta e gestore dell'attività devono coincidere. 

- CHI HA DIRITTO ALLA RIDUZIONE:

- COMODATO D'USO ai sensi dell’art. 1, comma 747, della Legge n. 160/2019, è prevista la riduzione del 50% della base imponibile Imu (quindi non l’esenzione) per le unità immobiliari – fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1 – A/8 – A/9 - concesse in comodato a parenti in linea retta entro il primo grado (genitore/figlio) che le utilizzano come propria abitazione di residenza principale. 
- Requisiti: 
1) il comodante deve risiedere e dimorare abitualmente nello stesso Comune; 
2) il comodante non deve possedere altri immobili (ad uso abitativo) in Italia, ad eccezione della propria abitazione di residenza (che deve essere nello stesso Comune ove si concede il bene in comodato – sono escluse le categorie catastali A/1 – A/8 – A/9); 
3) il contratto di comodato deve essere registrato; 
4) il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti con dichiarazione IMU. Dal 2019 in caso di morte del comodatario, il beneficio si estende al coniuge di quest’ultimo in presenza di figli minori. 
Il comma 743 della legge 160/2019 dispone che “in presenza di più soggetti passivi con riferimento ad un medesimo immobile, ognuno è titolare di un’autonoma obbligazione tributaria e nell’applicazione dell’imposta si tiene conto degli elementi soggettivi ed oggettivi riferiti ad ogni singola quota di possesso, anche nei casi di applicazione delle esenzioni o agevolazioni”. 

TERMINI DI PRESENTAZIONE DICHIARAZIONI IMU 2021: 
Per variazioni intervenute nell’anno 2021: presentazione entro il 30/06/2022 (art. 1 comma 769 L. 160/2019). 

Per ulteriori informazioni contattare l’ufficio tributi all’indirizzo di posta elettronica: protocollo@pec.comune.belpasso.ct.it o telefonicamente ai numeri: 095/7051330/264/265.


      IL FUNZIONARIO IMU                     IL SINDACO                       L'ASSESSORE AI TRIBUTI       
            Dott. A. Spinella                      Dott. Daniele Motta                         Andrea Magrì    

 

avviso
Allegato formato pdf
Scarica